Acquisti sostenibili e fair trade: aumenta l’interesse

I consumatori preferiscono acquisti sostenibili. Le vendite globali di prodotti Fairtrade sono aumentate dell’8% per un valore di € 8,5 miliardi di euro generando un premio a livello mondiale di € 178 milioni destinati alle organizzazioni di agricoltori e lavoratori da investire in progetti di sviluppo. Ci sono più di 30.000 prodotti equo solidali in vendita in tutto il mondo e i sette prodotti che occupano più del 90% della produzione sono banane, caffè, cacao, zucchero, tè, fiori e cotone.

Foglie di tè

Le vendite globali di prodotti Fairtrade sono aumentate dell’8% per un valore di € 8,5 miliardi di euro generando un premio a livello mondiale di € 178 milioni destinati alle organizzazioni di agricoltori e lavoratori da investire in progetti di sviluppo: è questo ciò che si rende noto attraverso l’ultimo rapporto annuale 2017-2018 di Fairtrade International consultabile integralmente qui:  “Working together for fair and sustainable trade”.

Quando si pensa al Fairtrade, immaginiamo immediatamente il nostro caffè o cioccolato preferito, o forse banane, tè o qualcuno dei tanti altri prodotti contenenti ingredienti solidali trovati sugli scaffali dei supermercati di tutto il mondo.

Fairtrade è in realtà un sistema globale che rappresenta oltre 1,6 milioni di agricoltori e lavoratori in tutto il mondo. Alla fine del 2017, era cresciuto a quasi 1600 organizzazioni di produttori certificate in 75 paesi. Lo scopo finale? Assicurare che gli agricoltori e i lavoratori abbiano un posto al tavolo del commercio globale. Nel 2018 l’Assemblea Generale ha ribadito l’importanza delle azioni affrontare il cambiamento climatico e migliorare il le condizioni di lavoro e i redditi degli agricoltori.

Trattandosi di un percorso verso mezzi di sussistenza sostenibili per gli operatori delle filiere alimentari, il volume di vendita è fondamentale: più i produttori possono vendere a condizioni equo solidali, più ne traggono vantaggio. Oltre al prezzo di vendita, le organizzazioni di produttori ricevono una somma aggiuntiva chiamata Fairtrade Premium. Questi fondi vanno verso progetti scelti democraticamente e hanno lo scopo di avvantaggiare le imprese e le comunità dei produttori. Nel 2017, i lavoratori nel circuito del commercio equo e solidale hanno generato € 178 milioni in Fairtrade Premium: un aumento del 19% rispetto all’anno precedente.

I sette prodotti che fruttano di più e che rappresentano più del 90% della produzione:

  • Banane
  • Caffè
  • Cacao
  • Zucchero
  • Tea
  • Fiori
  • Cotone

Fonte: report Fairtrade

Ci sono più di 30.000 prodotti equo solidali in vendita in tutto il mondo e come già spiegato, le vendite al dettaglio di prodotti hanno raggiunto € 8,5 miliardi nel 2017, con una crescita dell’8% rispetto all’anno precedente.

In particolare, le vendite di cacao sono aumentate del 57%. Le vendite di zucchero Fairtrade hanno registrato una forte crescita, del 30%, recuperando il calo significativo dovuto alla decisione dell’Unione Europea, nel 2015, di abolire i limiti sulla produzione di prodotti in concorrenza con lo zucchero di barbabietola europeo. I coltivatori di caffè del commercio equo e solidale hanno beneficiato di un aumento delle vendite del 15% e i produttori di banane hanno venduto l’11% in più rispetto all’anno precedente.

Il Regno Unito, la Germania e gli Stati Uniti sono stati i più grandi mercati Fairtrade in base alle vendite al dettaglio, mentre più del 50% dei paesi con un’organizzazione nazionale interna Fairtrade, ha registrato una crescita a due cifre nel 2017. Le vendite in paesi senza un’organizzazione nazionale Fairtrade, vale a dire i nuovi mercati Fairtrade, sono cresciute a un tasso combinato del 45%.

I prodotti del circuito equo e solidale arrivano sugli scaffali dei supermercati come prodotti singoli come cacao confezionato, zucchero o fiori recisi, oppure possono essere incorporati in prodotti con un’ingredientistica più articolata: il cacao in una barretta di cioccolato, lo zucchero in un biscotto o i fiori in un bouquet.

Dal 2014, le aziende sono state in grado di acquistare cacao, zucchero e cotone certificati Fairtrade come componenti di un prodotto finito (denominato Fairtrade Sourcing Program). Questo fa una grande differenza per i produttori: questa maggiore flessibilità dovrebbe produrre più vendite e maggiori benefici per gli agricoltori e i lavoratori, consentendo al contempo una scelta più ampia di prodotti sostenibili per i consumatori.

Ha commentato Darío Soto Abril, Global CEO di Fairtrade International:

“Crediamo che tutti gli agricoltori e i lavoratori meritino di guadagnarsi da vivere per ciò che coltivano. Negli ultimi due anni, i cali significativi dei prezzi del caffè e del cacao sul mercato globale – che hanno gravato sugli agricoltori stessi – hanno messo in evidenza che un prezzo equo deve essere uno degli elementi chiave di un problema complessivo dei redditi dei piccoli agricoltori”.


Fonte: https://www.osservatorioveganok.com/acquisti-sostenibili-e-fair-trade-aumenta-linteresse/

Autore dell'articolo: osservatorioveganok.com