Bristol è la Capitale Vegan del mondo

image_pdfimage_print

Bristol è stata nominata capitale vegan del mondo grazie ad una classificazione condotta appositamente da Chef’s Pencil e basata sulle ricerche Google effettuate nei vari paesi. La nuova capitale supera città importanti come Londra e Berlino ed è una delle 6, tra le 20 presenti in classifica, appartenenti al Regno Unito: un dato che dimostra come questo territorio sia sempre più sensibile e aperto alla realtà vegan.

Un paradiso per vegani…

Chef’s Pencil è un sito web di cucina, in cui gli chef hanno la possibilità di condividere le proprie ricette. I ricercatori del sito hanno condotto un’analisi per scoprire, attraverso Google Trends, il luogo con la maggiore frequenza di ricerche online su argomenti legati al mondo vegan. Ad ogni località è stato assegnato un punteggio e in testa alla classifica c’è Bristol, nonostante l’Australia sia risultata più vegan del Regno Unito. Bristol è, infatti, un paradiso per chi conduce uno stile di vita vegan e come afferma un portavoce di Chef’s Pencil: oltre alle numerosi opzioni alimentari e ai ristoranti totalmente vegetali, ha anche saloni di bellezza cruelty-free e ospita una grande comunità vegan. Inoltre, esiste un sito online interamente dedicato a Bristol, intitolato infatti Vegan Bristol, che è una vera e propria guida per ricevere notizie interessanti sulla città, per esempio informazioni sui vari locali in cui poter mangiare.

Grandi passi avanti…

Sembra che il veganismo stia compiendo grandi passi avanti, in modo graduale ed efficace. Sempre più gente entra a contatto con questo tema e, mentre in passato era un termine poco conosciuto, oggi la maggior parte delle persone conosce il significato della parola “vegan”. Il 2019 sarà sicuramente un anno importante per questo mondo, ricco di novità e influenze positive e non possiamo fare altro che sperare che, con il passare del tempo, tutte le città diventino capitali vegan!


Fonte: https://www.natureatblog.com/bristol-e-la-capitale-vegan-del-mondo/

Autore dell'articolo: natureatblog.com