Crolla scuola in Nigeria: troppi i bambini ancora sotto le macerie, si teme una strage

Sarebbero dieci i bambini intrappolati tra le macerie di una scuola crollata a Lagos in Nigeria. In un primo momento il governo locale aveva parlato di un centinaio di piccoli alunni, ma fortunatamente molti sono già stati salvati, anche se c’è chi parla di strage.

Poche informazioni contraddittorie e frammentarie, l’unica certezza per adesso sono il crollo della scuola elementare e quella della macchina dei soccorsi immediata per salvare i bambini che erano in classe quando è avvenuta la tragedia.

Si teme che ci siano dei morti, ma non si sa quanti. Fortunatamente tanti alunni e docenti sono riusciti a scappare dal terzo e ultimo piano dell’edificio crollato poco dopo le 10 di questa mattina. Nelle immagini, pubblicate su Twitter, c’è tutta la disperazione dei genitori accorsi sul luogo: pianti e urla disperate di mamme e papà che cercano i loro piccoli.

“Sono almeno 10 i bambini dentro l’edificio e a quanto pare sono vivi”, ha detto un soccorritore, di nome Derin, all’Afp.

Ma è ancora presto per capire com’è la reale situazione, vista la gran confusione, l’angoscia e la paura. Fonti ufficiali governative avevano diffuso un bilancio diverso: 100 bambini sotto le macerie.

Ancora sconosciute le cause del crollo, ma episodi del genere in Nigeria sono frequenti, la colpa è della normativa poco attenta alla sicurezza delle costruzioni che non pone vincoli sulla qualità dei materiali usati.

lagos scuola

lagos scuola1

Nel 2016, l’ultimo incidente aveva ucciso 30 persone, all’epoca un edificio di cinque piani era venuto giù come un castello di sabbia.

Leggi anche:

Crolla il soffitto in una scuola in Puglia, 3 feriti

Dominella Trunfio

mediterranea crema

Mediterranea

Inquinamento atmosferico, conseguenze e rimedi per la pelle del viso

trocathlon320

Trocathlon

Come vendere e acquistare attrezzatura sportiva usata per aiutare l’ambiente


Fonte: https://www.greenme.it/vivere/costume-e-societa/30844-crollo-scuola-nigeria

Autore dell'articolo: greenme.it